it.hideout-lastation.com
Paradiso Per Designer E Sviluppatori


Una guida per comprendere le autorizzazioni delle app Android (e come gestirle)

Le app dominano il nostro utilizzo degli smartphone e, mentre l'App Store di Apple prevede criteri rigorosi per le app, il Play Store di Google è relativamente più indulgente. Come utente di un'app Android, devi essere a conoscenza del tipo di dati che le app che utilizzi stanno prendendo da te.

Inoltre, dovrai iniziare a leggere le "polizze di autorizzazione" che hai fornito alle app che scarichi sul telefono o rischiare di aprirti alle principali questioni di privacy e sicurezza.

In questa guida, evidenzieremo alcune delle autorizzazioni delle app a cui è necessario prestare maggiore attenzione e quali sono le autorizzazioni valide che le app sono obbligate a chiedere.

Con un po 'di attenzione, è possibile ridurre al minimo i rischi imparando a gestire meglio le autorizzazioni delle app (e revocarle se necessario). Ecco uno sguardo ai permessi delle app Android e cosa fare su di loro.

Quali sono le autorizzazioni delle app?

Per prima cosa, le autorizzazioni delle app Android non sono richieste, sono dichiarazioni . A meno che tu non sia radicato, non hai voce in capitolo - a meno di scegliere di non installare l'app - se l'app riceverà tutte le autorizzazioni necessarie.

Quando si installa un'app dal Play Store, viene visualizzato un popup che elenca tutte le autorizzazioni necessarie per l'app, ad esempio l'accesso all'archiviazione, le chiamate telefoniche, la comunicazione di rete, ecc. Leggere questo elenco.

È fin troppo facile trattare l'elenco delle autorizzazioni come un EULA (che nessuno legge mai), ma saltare queste autorizzazioni potrebbe significare la differenza tra avere i tuoi dati in sicurezza sul tuo dispositivo o avere tutto questo a portata di mano di sviluppatori di app senza scrupoli .

5 permessi da diffidare

Ci sono alcune autorizzazioni che dovresti diffidare, non perché siano necessariamente pericolose, ma perché potrebbero esserci ripercussioni di ampio respiro se i dati di tali permessi dovessero cadere nelle mani sbagliate. Nota che queste non sono le uniche autorizzazioni di cui dovresti preoccuparti : è un inizio.

Se vuoi saperne di più, controlla l'elenco e la discussione delle autorizzazioni delle app Android da parte dell'utente AndroidForums.com Alostpacket . C'è anche un elenco dettagliato delle autorizzazioni sulla pagina ufficiale degli sviluppatori Android. La maggior parte delle informazioni ricapitolate qui proviene da entrambe le risorse.

1. Posizione

Esistono due tipi di permessi di posizione che le applicazioni Android possono richiedere: "posizione approssimativa (basata sulla rete)" e "posizione precisa (GPS e basata sulla rete)" .

Per quali applicazioni sarebbe necessaria la mia posizione precisa? Bene, le app di navigazione come Waze richiedono che tali informazioni funzionino. Allo stesso modo le applicazioni dei social media vogliono includere la tua posizione in foto e caricamenti. Fondamentalmente, le applicazioni che implementano la pubblicità basata sulla posizione avranno anche bisogno di accedere a tali informazioni. È solo uno dei tanti sacrifici che devi fare quando usi un'applicazione gratuita, supportata dalla pubblicità.

2. Stato del telefono e identità

Si tratta di un permesso un po 'problematico, perché "leggere lo stato e l'identità del telefono" comprende tutto, da qualcosa di così innocuo da sapere quando arriva una telefonata, ad accedere a dati di importanza cruciale come il numero IMEI del dispositivo .

Sebbene questa autorizzazione sia spesso sicura, il potenziale di errori è enorme, quindi fai attenzione quando le app richiedono questa autorizzazione. Se non sembra esserci alcun motivo reale per cui l'app richieda questa autorizzazione, potrebbe essere una buona cosa pensarci due volte prima di installarla.

3. Leggi e modifica i tuoi contatti

Queste autorizzazioni per "Modifica i tuoi contatti, leggi i tuoi contatti" danno a un'app l'accesso senza restrizioni ai dati dei tuoi contatti. Sebbene entrambi possano essere problematici, il permesso di "modifica" è particolarmente pericoloso poiché consentirebbe a un'app di leggere tutte le informazioni di contatto presenti sul telefono. Ciò include quanto spesso comunichi con determinati contatti.

Le app SMS, le app di gestione dei contatti, le app di sostituzione dei dialer e persino alcune app dei social media avranno bisogno di una o entrambe queste applicazioni, ma le app senza alcun aspetto sociale hanno ragione di richiederle.

4. Autorizzazioni relative a SMS e MMS

Queste autorizzazioni potrebbero potenzialmente costare un sacco di soldi, se le app dannose utilizzano queste autorizzazioni per inviare SMS illegittimi o applicare addebiti extra su ogni SMS e MMS inviato.

Anche i messaggi "leggi i tuoi messaggi di testo" e "ricevi messaggi di testo" possono potenzialmente compromettere la tua privacy. Se non c'è un vero motivo per cui un'app richieda queste autorizzazioni, evitala.

Tuttavia, vi sono motivi perfettamente validi per cui un'app richiede tali autorizzazioni, soprattutto se si tratta di un'app per gli SMS . Ancora una volta, un po 'di ragionamento dovrebbe salvarti dal dover affrontare eventuali problemi relativi a questa autorizzazione.

5. Autorizzazioni relative all'account

"Trova account sul dispositivo" consente all'app di verificare con Account Manager integrato di Android se ha account su servizi come Google, Facebook e così via.

" Utilizza account sul dispositivo" consente all'app di chiedere il permesso di utilizzare l'account. Una volta concesso questo permesso, l'app non dovrà richiederlo di nuovo ; la preoccupazione, ovviamente, arriva se l'app è malevola e continua a fare le cose in background nel tuo nome.

Un'altra autorizzazione correlata a cui prestare attenzione è "creare account e impostare password", che consente all'app di autenticare le credenziali. Un'app dannosa può usufruire di questa autorizzazione per ottenere la password tramite phishing .

Modi per rimanere al sicuro

Ci sono alcune cose che puoi fare per mantenere la sicurezza delle app.

1. Il modo migliore per restare al sicuro non è quello di evitare immediatamente le app che richiedono autorizzazioni problematiche, ma invece di guardare l'app stessa e utilizzare il ragionamento per capire se l'app richiede realmente queste autorizzazioni.

2. Puoi anche inviare un'email allo sviluppatore chiedendo le autorizzazioni. Se la risposta non è soddisfacente, o se non si ottiene alcuna risposta, probabilmente si dovrebbe perdere l'app.

3. Dovresti anche sfruttare l'enorme community Android se non sei sicuro della sicurezza di una particolare app. Leggi le recensioni sul Play Store e controlla i forum e i siti di notizie incentrati su Android per vedere se ci sono stati reclami sull'app di recente. È un po 'di lavoro, certo, ma meglio essere al sicuro che dispiaciuti.

Gestione dei permessi delle app

Se hai consentito alle app di accedere a uno qualsiasi dei tuoi account, ad esempio Facebook o Google, sarebbe una buona idea andare alle impostazioni del tuo account e gestire le autorizzazioni del tuo account, se il sito web dispone di tale funzionalità.

Puoi anche controllare quali autorizzazioni hanno determinate app accedendo a Impostazioni> App . Basta selezionare un'app e scorrere verso il basso per vedere le autorizzazioni che ha.

App per la gestione delle autorizzazioni

Puoi anche utilizzare un'app come Permission Explorer, che ti consente di filtrare per categorie, app e autorizzazioni e può fornire una descrizione molto più dettagliata delle autorizzazioni concesse all'app. Altre app simili che puoi provare sono permessi Observatory e App Permessi.

Indipendentemente dall'app scelta, passare un po 'di tempo attraverso le autorizzazioni delle app attualmente installate sul tuo dispositivo Android dovrebbe aiutarti a stabilire se esistono app con autorizzazioni problematiche che devono essere revocate o addirittura disinstallate completamente.

Revoca delle autorizzazioni delle app

Una volta individuate alcune app illegali, è il momento di decidere una linea d'azione. Al momento non esiste un modo integrato per gestire le autorizzazioni delle app nell'ultima versione di Android, poiché Google ha scelto di rimuovere la funzionalità AppOps da Android 4.4.2.

Tuttavia, se utilizzi ancora Android 4.3, non sarebbe male dare a AppOps la possibilità di vedere se ti aiuta ad accedere al gestore delle autorizzazioni incorporato.

Se si esegue il magazzino, versione 4.4.2 (o versione precedente alla 4.3) senza root, si è praticamente sfortunati quando si tratta di revocare le autorizzazioni delle app prima di disinstallare completamente l'applicazione. Tuttavia, se sei root, allora hai qualche altra opzione.

App per la gestione delle autorizzazioni (root)

Se hai installato Xposed Framework, puoi provare XPrivacy. XPrivacy è una delle migliori applicazioni di gestione delle autorizzazioni disponibili, che consente di modificare, bloccare e revocare quasi tutte le autorizzazioni che potrebbe richiedere un'app. È anche possibile utilizzare XPrivacy Installer per installare sia Xposed Framework che XPrivacy.

Se sei disposto ad installare una ROM completamente nuova, o hai intenzione di farlo comunque, ci sono anche alcune ROM personalizzate che includono funzionalità di gestione dei permessi integrate.

Il popolare CyanogenMod ha una funzione di Privacy Guard che, a partire dallo scorso anno, è dotata di AppOps di Android 4.3 integrati in esso. Altre ROM come Purity ROM hanno anche una caratteristica simile.

Conclusione

È difficile negare che, almeno per impostazione predefinita, le impostazioni di privacy e sicurezza di Android sono un po 'carenti. Tra i nomi delle autorizzazioni occasionalmente confusionari, l'impossibilità di concedere selettivamente i permessi, questo è sicuramente qualcosa su cui Android dovrebbe funzionare.

Tuttavia, anche con questi problemi, è ancora possibile rimanere al top delle cose e garantire la sicurezza dei dati controllando le app che installi e le autorizzazioni richieste da queste app . Dopotutto, sono i tuoi dati sul tuo telefono: hai il controllo.

15 librerie lightbox per la reattività dei dispositivi mobili

15 librerie lightbox per la reattività dei dispositivi mobili

Lightbox è un modo popolare per sovrapporre le immagini sul web . Quando fai clic su un'immagine, la Lightbox viene visualizzata con una forma di animazione e attenua lo sfondo in modo che l'attenzione si concentri sull'immagine stessa. L'immagine è anche più grande in scala. Le più famose librerie di lightbox di Lightbox che conosciamo da anni ti permettono di farlo bene sul desktop, ma non tanto sulle piattaforme mobili.Tra

(Consigli tecnici e di design)

Gboard per l'ultimo aggiornamento di iOS porta la trascrizione vocale e altro

Gboard per l'ultimo aggiornamento di iOS porta la trascrizione vocale e altro

Gli utenti di iOS Gboard non dovranno più toccare la tastiera per digitare i loro messaggi mentre Google ha lanciato un aggiornamento oggi che gli consente di trascrivere la tua voce.Supponendo che il tuo Gboard sia stato aggiornato, tutto ciò che devi fare è tenere premuto l'icona del microfono situata sulla barra spaziatrice per un secondo o due prima di rilasciarlo. S

(Consigli tecnici e di design)